Brooks Adrenaline Gts 16, Scarpe da Corsa Donna Viola Passion Flower/Lavender/Paradis

B00YBIRA8C

Brooks Adrenaline Gts 16, Scarpe da Corsa Donna Viola (Passion Flower/Lavender/Paradis)

Brooks Adrenaline Gts 16, Scarpe da Corsa Donna Viola (Passion Flower/Lavender/Paradis)
  • Materiale esterno: Sintetico
  • Fodera: Maglia
  • Materiale suola: Gomma
  • Chiusura: Stringata
  • Altezza tacco: 2.5 cm
  • Larghezza scarpa: Normale
Brooks Adrenaline Gts 16, Scarpe da Corsa Donna Viola (Passion Flower/Lavender/Paradis) Brooks Adrenaline Gts 16, Scarpe da Corsa Donna Viola (Passion Flower/Lavender/Paradis) Brooks Adrenaline Gts 16, Scarpe da Corsa Donna Viola (Passion Flower/Lavender/Paradis) Brooks Adrenaline Gts 16, Scarpe da Corsa Donna Viola (Passion Flower/Lavender/Paradis) Brooks Adrenaline Gts 16, Scarpe da Corsa Donna Viola (Passion Flower/Lavender/Paradis)

Ultimamente Lisbona è diventata una meta turistica di massa: il centro è ormai territorio di Airbnb

Io e il mio fidanzato amante delle sardine abbiamo fatto un pellegrinaggio alla Conserveira de Lisboa, nella capitale portoghese, che dal 1930 conserva le sue decine di marche di pesce in scatola – “entrando nel negozio sembra di viaggiare indietro nel tempo”, si è entusiasmato  Alex Ronan sul New York Times  – e abbiamo acquistato sardine in olio d’oliva e polpo affumicato. Siamo andati alla Loja das Conservas, dove sono esposti i prodotti dei conservifici del Portogallo, selezionando svariate altre marche da provare.

Abbiamo scoperto un intero negozio che vende solo una marca di anguilla in scatola alla scapece. E poi abbiamo pranzato da Miss Can, una moderna  conserva artigianale appena sotto al castello, con il logo a forma di sirena e i cui sgombri, merluzzi, tonno e sardine sono disponibili in “cinque personalità”: tradizionale, piccante, coraggiosa, creativa e patriota, a seconda della salsa di pomodoro, del limone, delle spezie o dei sottaceti aggiunti.

Ultimamente Lisbona è diventata una meta turistica di massa: il centro è ormai territorio di Airbnb, i bar sono pieni di viaggiatori che vengono qui il fine settimana con voli low-cost e i negozi di souvenir sono pieni di prodotti a base di sardine. Ma le riserve di sardine al largo delle coste portoghese stanno calando e il settore portoghese ha  perso il certificato di sostenibilità assegnato dal Marine stewardship council . A Portimão, un’altra città della costa dell’Algarve, l’ultima fabbrica d’inscatolamento ha chiuso nel 1982. Oggi è un museo e contiene statue di malta di lavoratori davanti ai grandi recipienti dove un tempo defluivano le sardine. A volte anche il turismo può servire a preservare gli oggetti: sant’Antonio, a quanto pare, è anche il santo patrono di quelli smarriti.

Si chiama «Indianetto» ed è un giubbetto per ciclisti  ideato da Luca Zanagnolo, lumezzanese, diplomatosi pochi giorni fa all’Istituto Benedetto Castelli di Brescia. Si tratta di un inedito giubbotto direzionale per ciclisti, utilizzabile su qualsiasi tipo di bicicletta. 

Uno zainetto che... mette le frecce ai ciclisti , nato da una tesina di maturità. E ora in cerca di un possibile finanziatore.

125

Oggi il Consiglio di Stato ha detto che si potrà istituire il parco archeologico del Colosseo e si è espresso favorevolmente alla nomina di direttori stranieri del parco stesso: ha quindi accolto il ricorso del ministero dei Beni culturali, avanzato contro le due sentenze del Tar del Lazio che avevano a loro volta accolto i ricorsi di Roma Capitale, cioè l’ente che amministra il territorio comunale della città di Roma.

Nei mesi scorsi  si era parlato  di uno scontro tra Virginia Raggi, sindaca di Roma (Movimento 5 Stelle), e Dario Franceschini, ministro dei Beni culturali (PD). Lo scorso aprile Roma Capitale aveva presentato al Tar del Lazio un ricorso per chiedere l’annullamento del decreto che istituiva il parco archeologico del Colosseo, voluto da Franceschini. Raggi aveva sostenuto che l’istituzione del parco era “lesiva degli interessi di Roma Capitale”: «Quello che mi preme sottolineare è che in pratica sembra che il governo voglia gestire in totale autonomia e senza alcuna concertazione il patrimonio culturale dell’amministrazione stessa. Per noi è inaccettabile. E ancora piu inaccettabile è quello che viene operato con i ricavi», aveva detto Raggi.